Notizie

03 maggio 2023

Condividi:

Rapporto sui controlli ufficiali nel settore dell’alimentazione animale 2021

Categoria: Istituzioni, Sanità animale

Rapporto sui controlli ufficiali nel settore dell’alimentazione animale 2021

Il Ministero della salute ha pubblicato il Rapporto sui controlli ufficiali in alimentazione animale effettuati
in Italia nel 2021
.

Il rapporto si propone di rendere pubblici gli esiti dei controlli ufficiali effettuati nel
2021, primo anno di applicazione del Piano Nazionale di controllo ufficiale sull’alimentazione
animale (PNAA)
valido per gli anni 2021 – 2022 – 2023, che ha come obiettivo primario quello di
assicurare i controlli ufficiali nella filiera dei mangimi eseguiti dai Servizi Veterinari delle
AA.SS.LL. coordinati dai Servizi Veterinari Regionali e dalle Autorità Competenti dei PCF e degli
UVAC.
I controlli ai sensi del PNAA sono programmati e coordinati su tutto il territorio nazionale
dal Ministero della Salute, attraverso l’emanazione del PNAA aggiornato e modificato alla luce
delle nuove normative comunitarie in materia di alimentazione animale e dei risultati dei controlli
dell’anno precedente.

Tali controlli ufficiali, sia di tipo ispettivo che analitico, hanno come obiettivo fondamentale
quello di assicurare un sistema ufficiale di controllo dei mangimi lungo l’intera filiera alimentare, al
fine di garantire un elevato livello di protezione della salute umana, animale e dell’ambiente.

La programmazione e l’attuazione del programma di controllo, ha risentito ancora nel 2021
dell’andamento della pandemia COVID -19 che, in modo differente ha impattato sull’attività
lavorativa delle diverse regioni italiane e, di conseguenza, sullo svolgimento dell’attività
programmata dal piano. Situazione che, sul finire del 2021, sembra in via di regolarizzazione.
In sintesi, le esigue non conformità rilevate nell’attività di campionamento, numericamente
sovrapponibili a quelle degli scorsi anni, ma anche l’andamento dei controlli all’importazione e di
quelli su sospetto ed extra piano, consentono di affermare che il sistema di campionamento sembra
effettivamente adeguato al grado di non conformità dei mangimi, che si mantiene relativamente
constante, in relazione agli analiti e alle matrici sottoposte a controllo