Rassegna Stampa

28 marzo 2022

Sardegna: in prima linea contro le malattie infettive

Fonte: Panorama Sanità News

Affidati fondamentali incarichi all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna contro la Blutongue e la tubercolosi bovina

Affidato all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna per tutto il 2022 l’incarico per l’acquisto di vaccini per la profilassi della febbre catarrale degli ovini, nota come Bluetongue. Spetterà poi sempre all’IZS distribuirli ai Servizi veterinari delle Asl della Sardegna. È quanto contenuto nella delibera approvata nei giorni scorsi dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla Sanità, Mario Nieddu. Al momento sono già 600 mila le dosi di vaccino acquistate per il contrasto al virus BTV4, con la possibilità di integrare nuovi acquisti in caso l’approvvigionamento risultasse insufficiente.

Nell’agosto scorso l’Isola era stata lo scenario di una nuova ondata epidemica con un numero elevato di focolai. Da qui la scelta di effettuare per l’anno 2022 un programma vaccinale obbligatorio contro la Bluetongue esteso a tutti i capi ovini delle aziende classificate a maggior rischio e ai capi da rimonta di tutte le restanti aziende con allevamenti ovini presenti sul territorio regionale.