Rassegna Stampa

11 febbraio 2019

Rischio anisakis: arrivano nuove tecniche d’indagine ma serve chiarezza nelle normative

Fonte: ilfattoalimentare.it

Il rischio anisakis è uno dei problemi più sentiti da chi ama il pesce crudo, o poco cotto: consumare pesce in cui sono presenti, allo stadio di larve, questi vermi nematodi parassiti significa rischiare disturbi gastrointestinali anche gravi, come abbiamo segnalato più volte.

Oggi sono disponibili metodi nuovi e più efficaci per individuare queste larve, “ma è indispensabile definire linee guida univoche per i controlli, in modo da dare sicurezza a produttori e consumatori”, spiega Valentina Tepedino di Eurofishmarket.

Condividi: