Rassegna Stampa

23 ottobre 2022

La pandemia ha ‘moltiplicato’ gli animali domestici

Fonte:

Fdiaf, voce dell’industria dei mangimi in Europa, calcola che nel 2021 ci siano stati 90 milioni di famiglie con uno o più animali domestici. Cinque milioni in più rispetto al 2019

La pandemia ha innescato l’acquisto di animali da compagnia, generando un enorme business ma anche una sovrappopolazione e problemi ambientali, scrive il Paìs.

Cosicché in Europa occidentale “la spesa per cibo e accessori salirà a 36,5 miliardi di euro quest’anno”, secondo i calcoli di Euromonitor International, società di ricerche di mercato. Nei suoi studi, la crescita accumulata negli ultimi tre anni del business degli “amici pelosi” raggiunge il 13%. Avanzava con forza prima della pandemia, ma dopo i ripetuti lockdown “si è aperto un nuovo ciclo che ha aggiunto milioni di cuccioli a una popolazione già considerevole”.

Fdiaf, voce dell’industria dei mangimi in Europa, calcola che nel 2021 ci siano stati 90 milioni di famiglie con uno o più animali domestici. Sono cinque milioni in più rispetto al 2019 e determinano l’esistenza, nelle case o fuori di esse, di 113 milioni di gatti, 92 milioni di cani, 48 milioni di uccelli e altri 56 milioni di animali tra conigli, pesci e tartarughe.