Rassegna Stampa

15 marzo 2022

Individuata la malattia di Newcastle altamente contagiosa nelle galline ovaiole nel Canton Giura

Fonte: Ufficio Federale della sicurezza alimentare e veterinaria - Svizzera

In un’azienda avicola di Develier, nei pressi di Delémont, è scoppiato un focolaio della malattia di Newcastle, un’epizoozia altamente contagiosa. Per prevenire l’ulteriore diffusione dell’epizoozia, il servizio veterinario cantonale prepara l’abbattimento delle galline ovaiole colpite e, in collaborazione con l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV), istituisce una zona di protezione e di sorveglianza intorno all’azienda. In queste zone alle aziende di avicoltura si applicano prescrizioni particolari.

Il focolaio della malattia di Newcastle riguarda un’azienda con circa 15 000 galline ovaiole a Develier, nel Cantone del Giura. I sintomi tipici di questa malattia sono: gli animali depongono meno uova o non ne depongono affatto oppure depongono uova con gusci troppo sottili e scoloriti. La malattia, causata da un virus, si manifesta anche negli uccelli selvatici, è altamente contagiosa e si trasmette per via aerea o per contatto diretto. Può anche diffondersi indirettamente attraverso le persone, i prodotti avicoli o le scatole per uova. L’origine della malattia è ancora sconosciuta in questo momento. Insieme all’USAV, il Cantone avvia i provvedimenti necessari, compreso l’abbattimento delle galline ovaiole colpite.

Misure contro la diffusione della malattia

Per evitare che il virus altamente contagioso si diffonda ulteriormente, il servizio veterinario cantonale del Canton Giura ha posto sotto sequestro l’azienda colpita. Soltanto le persone che si occupano degli animali e le persone operanti nell’esecuzione hanno accesso alle stalle. Le autorità veterinarie istituiscono una zona di protezione di circa tre chilometri e una zona di sorveglianza di circa dieci chilometri intorno all’azienda.

L’ultimo caso di malattia di Newcastle si è verificato nel gennaio 2022 nel Cantone di Zurigo. Non vi è alcuna indicazione che ci sia una connessione con questo caso. La Svizzera era indenne dalla malattia dal 2017.

Attualmente anche l’influenza aviaria è in circolazione, gli ultimi due casi sono stati individuati la scorsa settimana. Per contenere questʼultima, misure speciali di protezione continueranno a essere applicate lungo i principali insiemi di acqua fino probabilmente alla fine di marzo 2022 (vedi Comunicato stampa dell’11.03.2022).

La malattia di Newcastle si trasmette raramente all’essere umano

In rari casi, può verificarsi una congiuntivite in persone che hanno avuto un contatto diretto e molto stretto con animali malati. Il consumo di carne di pollame e uova non costituisce alcun pericolo.