Rassegna Stampa

26 novembre 2019

Incidenti con cinghiali, in Spagna test con fischietti a ultrasuoni

Fonte: ilsole24ore.com

Le autorità di diverse province della Spagna stanno effettuando test su strada con un particolare tipo di dispositivo ad ultrasuoni – chiamato “fischietto anticervo” – che montato sulla parte frontale di auto e veicoli commerciali ha la potenzialità di ridurre il rischio di incidenti con selvaggina sulla carreggiata e, in particolare, di impatti con cinghiali. Questi semplici dispositivi sono nati negli Usa, dove il problema dell’invasione delle strade non recintate da parte di animali selvatici – in maggioranza caprioli, cervi e altri ungulati – riguarda ogni anno 1,5 milioni di guidatori. I “fischietti”, quando la velocità è intorno ai 50-60 km/h, generano al passaggio dell’aria nel corpo cavo un suono di frequenza non udibile da parte dell’uomo ma molto fastidioso per gli animali. Le prove realizzate in Spagna sui cinghiali stanno dando risultati confortanti ma resta il problema del rapporto tra la velocità a cui si deve procedere per ottenere l’emissione del suono e il raggio di azione sonora dei dispositivi a ultrasuoni, che hanno una portata di circa 400-450 metri.