Rassegna Stampa

30 marzo 2022

Efsa, è improbabile rischio per la salute da residuo di pesticidi negli alimenti

Fonte: Ansa

È improbabile che l’esposizione ai pesticidi per via alimentare rappresenti un rischio per la salute per i consumatori europei. Sono le conclusioni cui è giunta l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel rapporto annuale sui residui di pesticidi negli alimenti. Secondo i dati Efsa, nel 2020 su oltre 88mila campioni esaminati il 94,9% aveva residui di pesticidi entro i limiti. Per il sottogruppo di 12mila campioni analizzati nell’ambito del programma di pluriennale coordinato dall’Ue (che si basa su controlli casuali su un paniere di dodici prodotti), l’1,7% aveva superato i limiti. L’Efsa ha anche stimato l’esposizione ai residui di pesticidi nella dieta concludendo che “è improbabile che i prodotti alimentari analizzati nel 2020 costituiscano un problema per la salute dei consumatori”. L’Italia si segnala tra i paesi che hanno compiuto più analisi su prodotti di origine nazionale e tra quelli che hanno più contribuito al programma di controlli coordinato dall’Ue.