Rassegna Stampa

10 febbraio 2021

Coronavirus, i lavoratori del settore alimentare sono i più a rischio. Più colpite le minoranze etniche

Fonte: ilfattoalimentare.it

I lavoratori di tutta la filiera alimentare, anche se hanno mantenuto il lavoro più spesso rispetto ad altre categorie, hanno corso rischi maggiori per la propria salute e, almeno quelli della California, hanno pagato un tributo in vite umane molto alto. Lo dimostra uno studio pubblicato sul sito di preprint MedRXiv, e quindi ancora in attesa di revisione, nel quale sono state analizzate, dai ricercatori del Centro di salute pubblica dell’Università di San Francisco, le cause di morte della popolazione di età compresa tra i 18 e i 65 anni in base all’impiego. È emerso appunto un rischio significativo per tutti coloro che non hanno mai smesso di lavorare ma, così facendo, sono stati spesso esposti al contagio, e sono deceduti in misura maggiore rispetto ai valori medi degli anni precedenti.