Rassegna Stampa

15 gennaio 2024

Clima. Organizzazione Meteorologica Mondiale: il 2023 anno più caldo mai registrato “con un margine enorme”. Temperatura media annuale di 1,45°C in più rispetto all’era preindustriale

Fonte: quotidianosanita.it

Dagli anni ’80, ogni decennio è stato più caldo del precedente e gli ultimi 9 anni sono stati i più caldi mai registrati. I dati ricavati dai sei set di dati mostrano che l’aumento della temperatura media decennale nel periodo 2014-2023 è stato di circa 1,20°C

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale conferma che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato “con un enorme margine”. La WMO utilizza sei importanti set di dati internazionali provenienti da tutto il mondo per monitorare le temperature globali, che rivelano una nuova temperatura media annuale di 1,45°C rispetto all’era preindustriale (1850-1900). E ogni mese tra giugno e dicembre stabilisce nuovi record: luglio e agosto sono stati i due mesi più caldi mai registrati, affermato la WMO.

La cifra di 1,5°C è il limite di temperatura stabilito chiaramente nell’Accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici, ma si riferisce all’aumento della temperatura a lungo termine in media su decenni, piuttosto che a un singolo anno come il 2023. “Il cambiamento climatico è la sfida più grande che l’umanità deve affrontare. Colpisce tutti noi, soprattutto i più vulnerabili”, ha affermato il segretario generale dell’WMO, Celeste Saulo, presentando i risultati del rapporto. “Non possiamo permetterci di aspettare ancora. Stiamo già agendo, ma dobbiamo fare di più e dobbiamo farlo rapidamente”. Per questo, ha spiegato Saulo, sono necessarie drastiche riduzioni delle emissioni di gas serra e una transizione accelerata verso le fonti energetiche rinnovabili.

Guardando al futuro, il capo della WMO ha avvertito che, poiché il fenomeno di raffreddamento La Niña è stato sostituito dal riscaldamento di El Niño a metà dello scorso anno – il quale di solito ha il maggiore impatto sulle temperature globali dopo il suo picco – il 2024 potrebbe essere ancora più caldo. “Mentre gli eventi di El Niño si verificano naturalmente e vanno e vengono da un anno all’altro, il cambiamento climatico a lungo termine si sta intensificando e ciò è inequivocabilmente dovuto alle attività umane”, evidenzia.