Rassegna Stampa

11 novembre 2019

Cassazione: non scatta reato per alimenti contaminati se vendita non e’ prossima

Fonte: Il Sole 24 Ore Radiocor Plus

Non scatta la vendita di sostanze alimentari alterate e nocive se la distribuzione per il consumo non e’ prossima. Lo ha chiarito la Cassazione con la sentenza di oggi n. 45701 depositata dalla terza sezione penale. La questione esaminata e risolta dai giudici di Piazza Cavour riguarda una tipica specialita’ regionale chiamata “salame mantovano”.

In primo grado il titolare di una ditta che produce questo tipo di alimenti e’ stato dichiarato responsabile del reato previsto dall’articolo 5 della legge 283/1962 (sulle regole igieniche per la produzione e la vendita delle sostanze alimentari e delle bevande) per aver detenuto un salame contaminato dalla salmonella; condannato alla pena di 600 euro ha fatto ricorso alla Suprema corte e ha vinto.