Rassegna Stampa

24 settembre 2021

Basilicata, farmaci per fermare il virus di Blue tongue

Fonte:

La Giunta Regionale approva un provvedimento per trattare gli ovini con farmaci in grado di neutralizzare gli insetti vettori, come misura di accompagnamento rispetto al piano vaccinale. Liquidati i contributi ai pastori inseriti nel Piano di vigilanza sierologica

Sono stati approvati dalla Giunta Regionale della Basilicata, su proposta del vicepresidente e assessore alle Politiche Agricole e Forestali Francesco Fanelli, due importanti provvedimenti a sostegno della zootecnia lucana: uno sul contrasto a blue tongue e l’altro di cofinanziamento del programma di miglioramento genetico di mandrie e greggi della Lucania.

Blue tongue, farmaci per fermare il vettore
La prima delibera è tesa a contrastare la diffusione in Basilicata della febbre catarrale degli ovini, più comunemente conosciuta come blue tongue. La malattia non contagiosa, ma che si trasmette da animale infetto ad animale sano attraverso la puntura di alcuni insetti vettori del genere Culicoides, attualmente imperversa in Sardegna. La Regione Basilicata ha stanziato oltre 138mila euro per l’acquisto dei farmaci attivi contro l’insetto vettore di questa epizoozia, che pure in questa regione fa di tanto in tanto capolino: quattro i focolai segnalati nel 2019 dal Ministero della Salute nel quadro del Piano nazionale di sorveglianza sanitaria.