Rassegna Stampa

10 settembre 2021

Acquacoltura, un fenomeno in crescita, sono allo studio nuove linee guida europee

Fonte: ilfattoalimentare.it

I consumi di prodotti ittici sono in costante crescita ma, di fronte alle limitate risorse dell’ambiente, il fabbisogno mondiale può essere sostenuto solamente dallo sviluppo dell’acquacoltura. Lo dimostrano i dati, che vedono i volumi di pescato restare pressoché invariati, mentre l’allevamento è passato da 12 milioni di tonnellate nel 1998 a 82 milioni nel 2018. A livello globale è previsto già quest’anno un sorpasso della produzione di pesce di allevamento rispetto a quello catturato in mare, con la previsione di coprire il 60% del mercato entro il 2030. In Europa attualmente l’acquacoltura rappresenta circa un quarto del totale pescato. Si tratta di quote ancora piuttosto contenute, ma destinate a crescere.

Per questo motivo la Commissione europea ha commissionato al Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio ambientale del Comitato per i medicinali per uso veterinario dell’Ema (l’Agenzia europea per i medicinali) l’analisi della situazione sull’uso dei farmaci in acquacoltura, su come i regolamenti siano armonizzati e sull’efficacia delle linee guida. Il risultato, confluito nel documento Environmental risk assessment of veterinary medicinal products intended for use in aquaculture in Europe: the need for developing a harmonised approach, pubblicato sulla rivista Environmental Sciences Europe, evidenzia la necessità di aggiornare regolamenti e linee guida.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi