Password dimenticata?


Fai del sito la tua Home Page 

Notizie

motore di ricerca ricerca avanzata
  • 15.12.2017 Al via la fase operativa del memurandum Oie Ministero della salute One Health e sicurezza alimentare

    È scattata, con la presentazione dei primi progetti, la fase operativa del Memorandum of Understanding, l’accordo di collaborazione della durata di quattro anni siglato a settembre 2017 tra l’Organizzazione Mondiale della sanità Animale (OIE), il Ministero della salute e la rete degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali per l’elaborazione di strategie comuni nella promozione dell’approccio One Health alla sanità pubblica e per la sicurezza alimentare.

  • 14.12.2017 Blue tongue: territori stagionalmente liberi, macellazioni nel periodo natalizio, modifica allegato A

    Il Ministero della salute ha diramato 3 differenti note con riferimento alla Bluetongue

  • 14.12.2017 CDM approva sanzioni per la violazione di norme a tutela dei consumatori di prodotti alimentari

    Il Consiglio dei Ministri riunito ieri ha approvato la Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, e l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del medesimo regolamento (UE) n. 1169/2011 e della direttiva 2011/91/UE, ai sensi dell’articolo 5 della legge 12 agosto 2016 n. 170 – legge di delegazione europea 2015 

  • 14.12.2017 EU-FORA programma europeo di borse di studio in ambito di valutazione dei rischi alimentari

    EU-FORA, giunta alla sua seconda edizione, è un’iniziativa rivolta a giovani ricercatori delle autorità nazionali di valutazione del rischio dell'UE o di qualsiasi altro organismo designato per la cooperazione scientifica, ai sensi dell’articolo 36 del Regolamento (CE) 178/2002. Il programma è finalizzato ad offrire  ai candidati selezionati  gli strumenti per aumentare le  proprie conoscenze e l'esperienza pratica nella valutazione del rischio nel settore della sicurezza alimentare.

  • 12.12.2017 SIVeMP Marche. Riorganizzazione del SSR SPV e SA, richiesta di confronto

    La segreteria regionale del SIVeMP Marche ha inviato un'ulteriore richiesta di confronto alle autorità regionali e dell'Asur, sulla riorganizzazione del Servizio sanitario regionale, in discussione 2011. 

  • 11.12.2017 Identificato per la prima volta in Italia il sierotipo 3 della Bluetongue

    Il 4 Dicembre 2017 il Ministero della Salute ha comunicato all’Organizzazione mondiale della Sanità Animale (OIE) la presenza, in un allevamento ovino di Trapani, del sierotipo 3 della bluetongue (BTV-3). Per questa malattia l’IZSAM è centro di Referenza dell’OIE fin dal 2005.

  • 06.12.2017 Ricetta elettronica veterinaria, in Gazzetta Ufficiale la Legge europea

    La ricetta elettronica veterinaria è legge. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 277 del 27.11.2017, della Legge 20 novembre 2017, n. 167, la cosiddetta "legge europea", il percorso avviato nel 2015 può finalmente contare su una base legale definitiva. 

  • 05.12.2017 Lo SCIOPERO IL 12 DICEMBRE DEI VETERINARI PUBBLICI sulla stampa

    La lettera del Segretario Nazionale del SIVeMP, Aldo Grasselli, inviata a Governo, autorità, mondo produttivo e consumatori sullo sciopero nazionale del 12 dicembre è  stata ripresa dalle testate e agenzie di stampa

  • 04.12.2017 SCIOPERO IL 12 DICEMBRE DEI VETERINARI PUBBLICI Lettera al Governo, alle autorità, al mondo produttivo, ai consumatori

    I veterinari dipendenti del Servizio sanitario nazionale saranno costretti a scioperare il 12 dicembre per richiamare l’attenzione del Governo e delle Regioni sulle gravi carenze che il de-finanziamento della sanità, il blocco del turn-over, il precariato, il blocco dei contratti ha prodotto negli ultimi 8 anni.

  • 04.12.2017 SCIOPERO IL 12 DICEMBRE DEI VETERINARI PUBBLICI Lettera aperta agli iscritti

    Cari Colleghi,

    i veterinari dipendenti del Servizio sanitario nazionale saranno costretti a scioperare il 12 dicembre per richiamare l’attenzione del Governo e delle Regioni sulle gravi carenze che il de-finanziamento della sanità, il blocco del turn-over, il precariato, il blocco dei contratti ha prodotto negli ultimi 8 anni.

    Dopo tante promesse mancano ancora decisioni risolutive per stabilizzare i precari, per finanziare percorsi di specializzazione con borse di studio adeguate ai fabbisogni di tutte le professioni sanitarie, per riconoscere alle Regioni il necessario per assicurare i LEA e per assumere forze nuove a sostegno della sanità pubblica che si regge su professionisti sempre più anziani.

    La finanza pubblica, che è intervenuta per salvare l’Alitalia e le Banche, deve tornare a dare alla sanità risorse pari a quelle che investono Francia e Germania.

    Non ci piace scioperare. Ci costa energia e soldi, più di quanti ne chiediamo nel rinnovo contrattuale. Ma la situazione richiede una forte presa di posizione.

    La nostra categoria di dirigenti in questa Legge di Bilancio è totalmente ignorata dal Governo e dalla politica.

    Non si può stare guardare senza reagire alla distruzione del Servizio sanitario nazionale, dei nostri Servizi, delle nostre prospettive di carriera, delle nostre retribuzioni che sono state il Bancomat delle Regioni per troppo tempo.

    Noi crediamo in un Servizio sanitario pubblico, equo, universalistico, inclusivo e protettivo e per questi valori siamo disposti a scioperare compatti il 12 dicembre e quando sarà necessario durante tutta la prossima campagna elettorale.

    Lo sciopero nazionale che abbiamo proclamato insieme ai medici ha riscosso una forte adesione.

    Dopo 8 anni di tagli dei fondi contrattuali, di riduzione degli organici, di accorpamenti e perdita di posizioni, di precariato illuso, di smantellamento di aziende e servizi abbiamo atteso invano che il Senato approvasse gli emendamenti che avrebbero restituito in parte le risorse necessarie alla sopravvivenza del sistema e alla definizione di contratti dignitosi.

    Quanto attendevamo era stato accolto in diversi emendamenti alla Legge di Bilancio proposti all’unanimità dalla Commissione sanità del Senato, ma un ordine di partito o di Governo ha fatto ritirare gli emendamenti e il voto di fiducia ha lasciato tutti a bocca asciutta.

    Tutte le Regioni, che devono fare con noi i contratti, hanno dichiarato di essere in difficoltà perché se fanno i contratti si riduce la copertura dei LEA. Questa contrapposizione è un atto mistificatorio gravissimo, politicamente scorretto e inaccettabile.

    Il Governo trovi le risorse per il Fondo Sanitario Nazionale e per i contratti e non tenti di mettere in conflitto il finanziamento dei contratti con l'erogazione dei servizi ai malati.

    Il conflitto ci sarà, ma tra i sindacati e il Governo e le forze che lo sostengono se dopo tanta propaganda, treni e annunci non si vedranno risultati.

    I nostri colleghi medici negli ospedali e nei servizi faranno il possibile per non arrecare disagi rilevanti ai malati ma sciopereranno convinti, noi veterinari faremo altrettanto.

    Lo sciopero dei veterinari del 12 dicembre cade in vicinanza delle Feste Natalizie, sappiamo - e ce ne dispiace - che arrecheremo forti danni all’economia agro-zootecnico alimentare, che si sta appena riprendendo dopo anni di crisi.

    Bloccheremo per un giorno intero, a pochi giorni dal Natale, le importazioni e le esportazioni, i mercati di bestiame e ittici, le movimentazioni animali, le macellazioni, le certificazioni sanitarie necessarie per approvvigionare i banchi degli esercizi commerciali.

    E’ il solo modo che ci resta per chiedere fatti concreti, per indurre il Governo a fare ciò che è necessario per recuperare la nostra fiducia: approvare prima di Natale, nel passaggio alla Camera della Legge di Bilancio, quanto in Senato è stato affossato.

    Cari colleghi, grazie della vostra mobilitazione, grazie per i vostri sacrifici.

    Aldo Grasselli
    Segretario Nazionale SIVeMP

     
stampa questa pagina | torna alla home-page